COSA MI FA SCLERARE? QUASI TUTTO!

COSA MI FA SCLERARE? QUASI TUTTO!

In questi giorni mi parte l’embolo più facilmente del solito: dobbiamo cambiare casa, con il caos che ne consegue, i figli sono entrambi in tempesta ormonale, il tempo fa schifo, si avvicina un anniversario doloroso. Allora mi sono chiesta “cosa mi fa sclerare” e ho pensato che forse sarebbe più breve l’elenco di cosa non mi susciti un tale effetto. Così, giusto per dire che aria tira in questo periodo. Anche se, nell’ottica dell’autoindulgenza, ci tengo a precisare che, come tutte le persone che tendono a sclerare, alla fine sono una bonacciona e i miei figli, che l’hanno capito, ci marciano alla grande.

MI PARTE L’EMBOLO SE…

Bè, tornando a bomba, nell’ordine sclero se i miei pargoli non mi ascoltano, chiedendomi se hanno problemi di udito o di comprensione. Ma dico, quando ti parlo, almeno fai finta di seguirmi, no? No, niente. E se me ne lamento con le altre mamme, mi sento una “benvenuta nel club”: oddio, non che sia una consolazione immensa, ma insomma, è già qualcosa. Altra miccia? Quando qualcuno, tipo impiegato o funzionario, in un ufficio pubblico si mette di traverso così, solo per il gusto di farlo. E io devo impegnarmi in un esercizio mostruoso di autocontrollo, per non dare in escandescenze.

ALTRA COSA CHE MI FA SCELRARE?

Mi imbufalisco anche per le cacche dei cani che punteggiano i marciapiedi, io che con il mio adorato Perseo esco solo se munita di sacchettini per raccogliere la sua produzione. Che, va detto, non è al profumo di violetta, ma se uno non si vuol piegare a raccogliere le cacche può sempre prendere un cane versione peluche, no? Poi perdo le staffe per chi parcheggia negli spazi destinati ai disabili. Giuro che, l’ultima volta che mi è capitato di vederne uno, ho scarabocchiato al volo, per poi metterlo sul parabrezza del furbone, un foglietto con scritto qualcosa che è meglio non ripeta.

Altro? Potrei parlare del parentado, naturalmente non da parte mia, ma del consorte. Però, devo dire che sto imparando a seppellire tutto con una risata. Sarò sulla buona strada?

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *