SE IL MARITO TI DIMENTICA SUL BALCONE…

SE IL MARITO TI DIMENTICA SUL BALCONE…

Diciamo che quando si è sposati da tanti anni qualche episodio così ci può anche stare. Anzi, ti strappa pure un sorriso. Perché rispecchia un vizio di famiglia. Anche se il marito sostiene che la svampita della banda sarei io.

CHIUSA SUL TERRAZZO, SENZA TELEFONO

Dunque, in tarda mattinata, vista l’incertezza del tempo, vado sul balcone della cucina, nel quale ho messo la scarpiera, a scegliere qualcosa di adatto ai miei piedini da fata, in modo tale da essere comoda, ma non proprio a terra, visto che già di mio non è che svetti, e in tinta con il resto dell’abbigliamento. Presa dalla mia ricerca, non mi accorgo che nel frattempo, appunto, il consorte ha chiuso la porta che dalla cucina si affaccia sul terrazzo. E sta andando a un appuntamento di lavoro. Panico: non ho il telefono, devo andare a prendere la figlia a scuola, il figlio non rientrerebbe in tempo per permettermelo.

PASSARE DALLA GATTAIOLA? MEGLIO GRIDARE…

Visto che abitiamo qui da poco, un po’ mi vergogno, con i nuovi vicini di casa, ad urlare come una straccivendola, ma dopo aver calcolato che non riuscirei mai e poi mai a passare attraverso la gattaiola, non mi rimane scelta: il marito che era già a piano terra, mi sente sgolarmi dal sesto piano, risale, mi apre, e con un “uffa” mi fa notare che lo sto facendo ritardare!

UN VIZIO DEGLI UOMINI DI CASA

Povera me, del resto già il mio primogenito, da piccolo, aveva chiuso la sorella sul balcone, ma con il preciso intento di togliersela dai piedi, stella mia. Mentre la mia metà si dimentica proprio di me: da quando abbiamo traslocato fa coppia fissa con Perseo, il cagnolotto che doveva essere mio, ma che adesso segue lui come un faro e considera me come una sorta di ripiego. Va beh, finché il terzo incomodo è Perseo…

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *