REGALI: LA PENTOLA? NO, GRAZIE

REGALI: LA PENTOLA? NO, GRAZIE

Quando si avvicinano le feste comandate, o i compleanni, tutti si chiedono cosa regalare all’amica, alla moglie, alla fidanzata, alla sorella, alla mamma, alla collega. E magari danno un’occhiata alle riviste, cartacee e on line, per cercare le tendenze relative ai regali che bisogna cavalcare.

EVITIAMO PENTOLE O ASPIRAPOLVERI

Ora, visto che il mio compleanno si avvicina a grandi falcate, purtroppo o per fortuna, senza la pretesa di essere esaustiva, ma così, tanto per dare uno spunto, vorrei stilare una lista di quello che proprio non andrebbe scelto, mai e poi mai. Da dove cominciare? Forse sono da evitare regali come pentole, aspirapolveri e via sfacchinando, perché una donna, spesso, anche se si ritiene la Regina della casa, non vuole essere vista come quella da cui ci si aspettano le faccende. Per una ricorrenza vuole essere regina e basta.

NIENTE PER LA CURA DELLA PERSONA

E forse, fra i regali, sono da aggirare anche le creme antirughe, anticellulite e via ringiovanendo, perché una ci pensa da sola a contenere il disastro incipiente, o almeno ci prova, e quindi non vuole sentirsi quella che ha bisogno di spianare le pieghe vicino alla bocca o attorno agli occhi. Poi? Meglio tenersi alla larga anche dalla biancheria sexy / porcona, che tocca diversi tasti dolenti: innanzitutto ogni donna sa cosa deve “migliorare” e cosa può valorizzare, perciò un intervento esterno può fare disastri, proprio sul piano dell’estetica. Ma anche dell’autostima, se vogliamo dirla tutta, anche perché regali del genere potrebbero suonare come un suggerimento velato a cambiare stile, il che potenzialmente sortisce un effetto offesa di proporzioni epocali.

QUINDI? COSA REGALARE?

Allora? Ma dai, su una bella borsa, un bel brillocco, anche di bigiotteria, su degli accessori si rischia di non essere originali. Ma almeno non si urta la suscettibilità di nessuna. E con i fiori il figurone è sempre garantito, almeno per una come me. Fa troppo caldo? Scattiamo una bella foto al mazzo e il ricordo è assicurato. Mentre con una bottiglia come si deve si può bere serenamente assieme, quindi la compagnia è assicurata!

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *